Scuola primaria in Italia

Quello che dovete sapere

Durante i cinque anni di scuola primaria la frequenza è obbligatoria e bambini devono aver compiuto sei anni entro il 31 dicembre dell' anno in questione, per poter essere iscritti.

Il calendario della scuola di solito consta di 27 ore di lezione a settimana, che diventano 30 ore nel secondo anno per lo studio di una lingua straniera (di solito inglese). È previsto un trattamento particolare per gli alunni con bisogni educativi speciali. Le lezioni sono in genere al mattino, ma sono previste una o due lezioni pomeridiane a settimana.

Una recente innovazione è stata l' introduzione dell' insegnamento per gruppi di insegnanti per alcune materie, cosa che ha contribuito ad aumentare il numero di insegnanti a livello primario, ma, indirettamente, ha contribuito alla chiusura di alcune scuole elementari più piccole. Normalmente ci sono tre insegnanti ogni due classi o quattro docenti ogni tre classi.

I cinque anni di ciclo primario si dividono in due parti, i primi due anni si concentrano sulle competenze di base e gli ultimi tre introducono gli alunni a concetti più ampi. Le materie vengono raggruppate in aree, che vengono insegnate dallo stesso docente o da più insegnanti per tutti e cinque gli anni, come segue:

Area A – Italiano, arte e una lingua straniera;

Area B – matematica, scienze ed educazione fisica;

Area C – storia, geografia, scienze sociali e musica.

C' è anche un insegnante per la religione, in genere.

Circa il 15% delle scuole primarie sono scuole a tempo pieno, infatti i bambini frequentano sia al mattino che al pomeriggio, per cinque giorni alla settimana. L' orario generalmente comprende anche la pausa di un’ ora e mezza a metà giornata, durante la quale si pranza nella mensa della scuola. Solitamente, ci sono due insegnanti per classe, uno al mattino e uno al pomeriggio. Molti genitori che lavorano spesso scelgono questo tipo di scuola, poichè trovano più conveniente per loro andare a prendere i loro figli più tardi.

La maggior parte delle scuole primarie utilizzano un sistema di valutazione basato sull' osservazione degli insegnanti durante l' anno scolastico. Le valutazioni vengono registrate sulla pagella di ogni bambino, chiamata anche scheda, che è stata ideata per fornire un profilo più dettagliato sulle abilità scolastiche di ogni alunno. La scheda di registrazione viene passata poi alla scuola in cui va l’ alunno dopo aver terminato la primaria. Nel quinto anno di scuola primaria, gli alunni devono ottenere un diploma di scuola primaria, detto diploma di licenza elementare, per passare alla scuola secondaria inferiore; gli alunni che non hanno avuto un gran successo scolastico potrebbero ripetere l' ultimo anno.

Ulteriori letture

Quest'articolo è stato d'aiuto?

Vuoi mandarci commenti, suggerimenti o domande su questo tema? Scrivici qui: