Scuola secondaria in Italia

Tipi di scuole e curricula

La frequenza in una scuola secondaria è obbligatoria per tutti i bambini di età compresa tra gli 11 e 14 anni. All' età di 14 anni, gli studenti devono fare una scelta per quanto riguarda il tipo di scuola secondaria superiore che vogliono frequentare, in base alle materie in cui vorrebbero specializzarsi e a cosa vorrebbero fare quando lasciano la scuola.

Come succede per la scuola primaria, c'è un programma nazionale che deve essere studiato da tutti i bambini. Inoltre, il numero di ore di ciascun soggetto deve essere insegnata ogni settimana viene stabilito dal Ministero della Pubblica Istruzione. Per gli anni prima e la seconda, i requisiti settimanali sono:

  • sette ore di italiano (comprese le lezioni di letteratura, grammatica e scrittura);
  • sei ore di matematica, fisica, chimica e scienze naturali;
  • quattro ore di storia, geografia e scienze sociali;
  • tre ore ciascuna di una lingua straniera (di solito inglese) e disegno tecnico;
  • due ore ciascuna di educazione fisica, musica e arte / design;
  • un' ora di religione.

Nel terzo anno, gli alunni perdono un' ora di italiano a favore di un' ora di storia, geografia e scienze sociali. Ogni materia è tenuta da un insegnante diverso, con l' eccezione di italiano, storia, geografia e studi sociali, che sono generalmente divise tra due insegnanti.

Il calendario è pari a 30 ore settimanali, ma le scuole hanno la possibilità di estenderle fino a 40 per le attività extra-curriculari di studio o per materie complementari se c' è una domanda sufficientemente alta da parte dei genitori (ad esempio informatica o una seconda lingua straniera). Negli ultimi anni, le scuole hanno introdotto una serie di optional, le classi sperimentali. Queste classi, che sono generalmente finanziate dal bilancio proprio di una scuola, si svolgono nel pomeriggio e possono includere sport, lezioni di musica (di solito gli strumenti devono essere acquistati dai genitori), film, computer, scacchi, e lezioni di conversazione in lingua straniera.

Come nella scuola primaria, anche nella scuola secondaria viene fatta una relazione finale completata dagli insegnanti su tutte le materie l' attitudine, il comportamento e il traguardo di ciascun alunno. Una valutazione a parte, più corta, è prodotta per le prestazioni di uno studente in istruzione religiosa. Le valutazioni includono un ottimo, distinto, buono, sufficiente e non sufficiente.

Alla fine del terzo anno, gli alunni sostengono un esame comprendente elaborati scritti in italiano, una lingua straniera, matematica e scienza, seguita da una prova orale in tutte le materie tranne religione. Agli studenti che lo superano viene consegnato il diploma di scuola secondaria inferiore, o diploma di licenza media per passare così alla scuola secondaria superiore.

Scuole superiori

All' età di 14 anni, gli studenti devono fare una scelta per quanto riguarda il tipo di scuola secondaria superiore (equivalente a un liceo negli Stati Uniti) cui vogliono iscriversi, in base alle materie in cui vorrebbero specializzarsi in e a ciò che vorrebbero fare quando lasciano la scuola. Ci sono essenzialmente due categorie di scuola secondaria superiore: un liceo (simile ad una scuola di grammatica inglese), che fornisce una formazione più accademica, e un istituto, dove si insegnano discipline più pratiche e tecniche.

All' interno di queste due categorie, ci sono diversi tipi di scuola. In ogni distretto scolastico c'è una scuola di classici, una scuola di scienza e una tecnica o una scuola professionale. Nei grandi distretti e città di provincia, c'è anche una scuola di formazione degli insegnanti e una scuola delle arti, e ci può essere un certo numero di scuole professionali, che spesso riflettono le esigenze delle industrie locali. Dettagli di queste scuole sono i seguenti:

  • Le scuole d’ arte (liceo artistico o istituto d'arte), che forniscono un corso di quattro anni di fondazione per gli studenti che desiderano iscriversi nelle accademie dell’ arte o alla facoltá di architettura all' università, o che desiderano entrare in una carriera nelle arti o insegnare materie artistiche nelle scuole;
  • Liceo classico il programma prevede lo studio della letteratura e della lingua latina, greca e italiana. Vengono studiate anche la filosofia e la storia dell' arte negli ultimi tre anni.
  • Liceo linguistico - Gli studenti studiano tre lingue straniere.
  • Liceo scientifico - tradizionalmente è consigliata agli studenti che intendono studiare scienza e della medicina all' università, con infasi sulla fisica, chimica e scienze naturali. Anche il latino e una lingua moderna (di solito inglese) vengono studiati per un elevato livello.
  • Scuola magistrale o di istituto magistrale - fornisce un corso quadriennale di formazione per insegnanti della scuola primaria (istituto magistrale) e un corso triennale di formazione per insegnanti di scuola materna (scuola magistrale).
  • Istituto Tecnico - Di gran lunga il maggior numero di studenti delle scuole superiori si iscrive a questa scuola, che prepara gli studenti al mondo del lavoro nell’ ambito dell’ agricoltura, industria o commercio. Istituti tecnici hanno risposto in Italia, in rapida crescita dell' economia, offrendo una gamma sempre più ampia di corsi su misura per le esigenze dei datori di lavoro, corsi di competenze informatiche, in particolare, sono in grande crescita negli ultimi anni. Istituti tecnici seguono il curriculum comune per i primi due anni (vedi sotto), con una formazione incentrata sulla pratica che viene svolta in laboratori ed imprese. Negli ultimi tre anni, il numero di ore di formazione della pratica aumenta.

I principali tipi di scuole tecniche sono agricole, commerciali (con specializzazione in gestione aziendale, contabilità, commercio, lingue straniere e di programmazione del computer), geodetici, turismo, nautica, aeronautica e industriale (comprese le tante specializzazioni quali l'estrazione mineraria, elettronica, ingegneria, fisica industriale, informatica e trasformazione dei prodotti alimentari). Ci sono anche scuole tecniche femminili, che sono state create, in passato, per lo studio dei soggetti tradizionalmente associati alle donne, come ad esempio, l’economia domestica, ma ora, per soddisfare entrambi i sessi comprendono lo studio della dietetica, lavoro sociale e di cura dei figli.

  • Istituo professionale - Le scuole professionali mirano a formare persone in una varietà di abilità artigianali e industriali, quali ebanisteria, carpenteria, meccanica, ingegneria, edilizia e costruzioni e ristorazione, segreteria e lavoro d' ufficio. L' orario varia tra le 35 e le 40 ore alla settimana, e per i primi due anni, comprende 14 ore alla settimana di formazione pratica relativa al settore scelto nella specializzazione. Nel terzo anno, il numero di ore di formazione specialistica pratica aumenta fino a 21 / 24 ore settimanali. Dopo tre anni, gli studenti acquisiscono un diploma specialistico chiamato diploma di qualifica, dopo di che si può procedere con un corso biennale al fine di conseguire un diploma di scuola secondaria superiore, sia presso la scuola professionale che in un istituto tecnico.

Entrare in una scuola secondaria superiore non è affatto competitivo e, dato che ci sono posti a sufficienza, gli studenti possono frequentare la scuola che preferiscono.

Dal 2001, tutti gli alunni hanno avuto lo stesso curriculum di base per i primi due anni della scuola secondaria superiore, ossia la lingua e letteratura italiana, matematica, almeno una lingua straniera (che generalmente é l’ inglese), scienza, storia, geografia e scienze sociali, la religione e l’ educazione fisica. I corsi di specializzazione iniziano dal terzo anno.

In tutte le scuole c’ è una notevole quantità di compiti a casa da fare per ogni materia, che va dallo studiare allo scrivere un saggio. Come nella scuola secondaria, gli insegnanti interrogano gli studenti attraverso regolari prove sia orali che scritte i cui risultati verranno esposti nella pagella). I voti sono indicati in decimi e il sei, ovvero il sufficiente, rappresenta il voto minimo per passare al seguente anno.

Tutti gli studenti possono accedere all' università, ma solo dopo avere terminato i cinque anni di scuola secondaria e aver acquisito il diploma di scuola secondaria superiore (vedi sotto). Nelle scuole in cui la durata del corso di diploma è di soli quattro anni (ad esempio scuole artistiche), gli studenti devono rimanere per un anno in più prima di andare all' università.

Prima di decidere quale scuola sia più adatta per il vostro bambino, è importante studiare con attenzione il curriculum offerto da ogni scuola. Ciò è particolarmente importante se un bambino ha intenzione di frequentare in futuro un' università fuori dall’ Italia. In molti paesi (compresi gli Stati Uniti e il Regno Unito), l' ammissione all' università si basa sulla concorrenza dei candidati, e quindi la scelta della scuola secondaria e il tipo di curriculum dovrebbe riflettere la specializzazione nelle materie che lo studente intende studiare all' università.

Diploma

Alla fine delle superiori, gli studenti si qualificano automaticamente per l' iscrizione all' università, ma devono prima ottenere il diploma. Esso si compone di tre prove scritte più una prova orale. Il primo esame comporta la scrittura di un saggio o di articolo di giornale in lingua italiana su un argomento storico, sociale, scientifico o letterario. Il secondo è un test su una materia specialistica, a seconda della scuola (ad esempio la lingua in un liceo linguistico, una versione di latino o greco in un liceo classico ecc). La terza prova, che è stato introdotta nel 1999, è un esame interdisciplinare che comprende domande sulle questioni culturali e sociali e le prove la conoscenza di una lingua straniera.

Dopo la prova scritta c’ è quella orale che è condotta da un consiglio di sei insegnanti, i quali interrogano gli studenti su tutte le materie che hanno studiato nel loro ultimo anno. Su un totale possibile di 100 punti, un massimo di 45 è assegnato per le prove scritte, 35 per la prova orale e 20 per i crediti scolastici, che vengono guadagnati dalle pagelle degli studenti durante i loro ultimi tre anni di studio. Per superare la maturità occorre un minimo di 60 punti.

Il conseguimento del diploma dipende dal tipo di scuola che gli studenti hanno frequentato, ad esempio, il diploma di maturità classica viene dato agli studenti che hanno frequentato un istituto classico, mentre un diploma di maturità scientifica verrà assegnato a coloro i quali hanno frequentato un liceo scientifico, e così via. La maturità è riconosciuta in tutto il mondo come un titolo di accesso all' università, anche se non è accettato da tutte le istituzioni.

Ulteriori letture

Quest'articolo è stato d'aiuto?

Vuoi mandarci commenti, suggerimenti o domande su questo tema? Scrivici qui: