Liberi professionisti

Lavorare come autonomo a Dubai

La difficoltà più grande a cui andrai incontro se il tuo obiettivo è lavorare come libero professionista sarà trovare uno sponsor.

M non t'illudere, una volta che ne avrai trovato uno, non sarà tutto rose e fiori, dovrai confrontarti con questioni burocratiche parecchio spinose. L'unica maniera per trovare uno sponsor è recati nel paese e cercare di fare contatti tra la popolazione locale. Ovviamente, questo è può risultare utile anche per verificare la situazione del mercato per quanto riguarda il settore che ti interessa . Lo sponsor può essere un'azienda o un privato cittadino; per esempio, se il tuo obiettivo è lavorare nel campo della manutenzione navale, sarà opportuno recarsi in un cantiere navale e presentarti come un libero professionista che lavora come subappaltatore.

Se è tua intenzione lavorare in un altro campo devi dimostrare di avere le qualificazioni necessarie per ottenere il visto di lavoro: nel campo medico, per esempio, sarà il Ministero della Salute a controllare le tue qualifiche. Di solito non vengono applicati dei debiti d'imposta ma è meglio assicurarsene perché le normative possono cambiare a seconda della professione. In alcuni stati è probabile che tu debba stipulare una polizza medica con una compagnia privata.

La trattativa con il tuo sponsor può arrivare ad assomigliare a una e vera e propria contrattazione. La quota annuale verrà probabilmente pagata o in forma di affitto per un appartamento o verrà trattenuta dal tuo stipendio. Le quote possono variare ma di solito corrispondono al 10 % delle tue entrate; in questo caso hai un certo margine di trattativa in quanto puoi chiedere che ti venga calcolata sul salario netto e non su quello lordo. Infine, è sempre buona norma consultare un avvocato della zona prima di dare una risposta riguardo la proposta del tuo sponsor.


www.justlanded.com © 2003-2021 Just Landed