Visti di lavoro

Come fare domanda per un permesso di lavoro in Brasile

Non è facile ottenere un visto di lavoro e un permesso di lavoro in Brasile. Esistono numerosi tipi di visti che vengono concessi solo se si soddisfano determinate condizioni.

Visti di lavoro

Per ottenere un impiego remunerato in Brasile avrai bisogno sia di un permesso di soggiorno (sia temporaneo sia permanente) sia di un visto di lavoro (Autorizaçao de Trabalho). Il primo passo viene fatto dal tuo futuro datore di lavoro in Brasile che dovrá fare domanda per un permesso di lavoro al Ministero del Lavoro e dell'impiego (Ministério do Trabalho e Emprego) presentando il contratto di lavoro e una serie di altri documenti. Una volta che la richiesta sarà accettata dal Ministero, dovrai fare domanda per un visto presso il consolato o l'ambasciata brasiliani nel tuo paese d'origine.

Processo di richiesta per un visto di lavoro

Per fare domanda per il permesso di lavoro il tuo futuro datore di lavoro dovrà presentare il tuo CV, certificati, documenti che certificano la tua formazione accademica e la tua esperienza lavorativa, e una copia certificata del tuo passaporto presso il Coordenação de Imigração do Ministério de Trabalho.

In seguito, a seconda del tipo di lavoro per cui stai richiedendo il visto, potresti dover presentare ulteriori documenti. Puoi trovare una lista completa dei documenti che ti verranno richiesti sul sito web del Ministério do Trabalho e Emprego  .

Tutti i documenti che dovranno essere approvati dalle autorità brasiliane devono essere tradotti in portoghese e autenticati prima di essere presentati. L'approvazione verrà in seguito inviata al Ministero degli Affari Esteri che autorizzerà l'ambasciata brasiliana competente o il consolato del tuo paese d'origine ad iniziare le pratiche per il visto di lavoro.

Per fare domanda per un permesso di lavoro nel tuo paese di origine devi presentare il tuo passaporto con una validità residua di un minimo di sei mesi, due moduli di domanda che sono disponibili nel tuo consolato, due fototessera formato passaporto e una dichiarazione della polizia attestante che non hai nessun precedente penale (non può risalire a più di tre mesi prima del momento in cui si presenta la richiesta).

Tipi di visti di lavoro

Come succedeva per i visti di residenza brasiliani, si può richiedere un tipo di visto di lavoro piuttosto che un altro a seconda del lavoro che s'intende svolgere in Brasile. Diversi lavori e qualifiche richiederanno distinti visti di lavoro. I visti di lavoro possono essere divisi in due grandi categorie: visti temporanei e permanenti.

Visti temporanei di lavoro (Visto Temporario V)

Solitamente, ai dipendenti stranieri, viene rilasciato un visto di lavoro temporaneo che inizialmente ha una validità di due anni. È anche possibile richiedere una proroga di due anni ma la richiesta deve essere inoltrata almeno 30 giorni prima della scadenza del visto. Dopo questo periodo di quattro anni l'azienda può fare richiesta per un visto di lavoro permanente. Un espatriato in possesso di un visto temporaneo non è autorizzato a cambiare datore di lavoro senza permesso delle autorità.

I visti di lavoro e i permessi di lavoro di solito vengono rilasciati a stranieri il cui futuro datore di lavoro è un'azienda brasiliana registrata. Comunque, le norme (non sempre chiarissime) che regolano queste procedure prevedono eccezioni e trattamenti speciali a seconda dei casi, p. es. per assistenza tecnica. Per assicurarti che tu stia richiedendo il giusto visto per la tua situazione personale, chiedi assistenza a un ambasciata brasiliana o al consolato o consulta la Guida di Procedura  dei lavori per cui vengono concessi visti, fornita dal Ministero brasiliano del Lavoro e dell'Impiego.

Visti di lavoro permanenti (Visto Permanente)

Un visto di lavoro permanente viene solitamente rilasciato agli stranieri che hanno diritto a un soggiorno permanente in Brasile. Normalmente questo si rivolge a ricercatori professionisti o a scienziati (per attività che richiedano la permanenza sul territorio brasiliano per un periodo superiore ai due anni), gli investitori (a condizione che la somma di investimento superi i 50,000 dollari per le persone fisiche o i 200,000 dollari per le compagnie) e amministratori o dirigenti. Per ulteriori informazioni chiedi assistenza a un ambasciata brasiliana o consolato o consulta la Guida di Procedura  dei lavori permessi fornita dal Ministero brasiliano del Lavoro e dell'Impiego.

Per ottenere un impiego remunerato in Brasile avrai bisogno sia di un permesso di soggiorno (sia temporaneo sia permanente) sia di un visto di lavoro (Autorizaçao de Trabalho). Il primo passo viene fatto dal tuo futuro datore di lavoro in Brasile che dovrá fare domanda per un permesso di lavoro al Ministero del Lavoro e dell'impiego (Ministério do Trabalho e Emprego) presentando il contratto di lavoro e una serie di altri documenti. Una volta che la richiesta sarà accettata dal Ministero, dovrai fare domanda per un visto presso il consolato o l'ambasciata brasiliani nel tuo paese d'origine.

Processo di richiesta per un visto di lavoro

Per fare domanda per il permesso di lavoro il tuo futuro datore di lavoro dovrà presentare il tuo CV, certificati, documenti che certificano la tua formazione accademica e la tua esperienza lavorativa, e una copia certificata del tuo passaporto presso il Coordenação de Imigração do Ministério de Trabalho.

In seguito, a seconda del tipo di lavoro per cui stai richiedendo il visto, potresti dover presentare ulteriori documenti. Puoi trovare una lista completa dei documenti che ti verranno richiesti sul sito web del Ministério do Trabalho e Emprego  .

Tutti i documenti che dovranno essere approvati dalle autorità brasiliane devono essere tradotti in portoghese e autenticati prima di essere presentati. L'approvazione verrà in seguito inviata al Ministero degli Affari Esteri che autorizzerà l'ambasciata brasiliana competente o il consolato del tuo paese d'origine ad iniziare le pratiche per il visto di lavoro.

Per fare domanda per un permesso di lavoro nel tuo paese di origine devi presentare il tuo passaporto con una validità residua di un minimo di sei mesi, due moduli di domanda che sono disponibili nel tuo consolato, due fototessera formato passaporto e una dichiarazione della polizia attestante che non hai nessun precedente penale (non può risalire a più di tre mesi prima del momento in cui si presenta la richiesta).

Tipi di visti di lavoro

Come succedeva per i visti di residenza brasiliani, si può richiedere un tipo di visto di lavoro piuttosto che un altro a seconda del lavoro che s'intende svolgere in Brasile. Diversi lavori e qualifiche richiederanno distinti visti di lavoro. I visti di lavoro possono essere divisi in due grandi categorie: visti temporanei e permanenti.

Visti temporanei di lavoro (Visto Temporario V)

Solitamente, ai dipendenti stranieri, viene rilasciato un visto di lavoro temporaneo che inizialmente ha una validità di due anni. È anche possibile richiedere una proroga di due anni ma la richiesta deve essere inoltrata almeno 30 giorni prima della scadenza del visto. Dopo questo periodo di quattro anni l'azienda può fare richiesta per un visto di lavoro permanente. Un espatriato in possesso di un visto temporaneo non è autorizzato a cambiare datore di lavoro senza permesso delle autorità.

I visti di lavoro e i permessi di lavoro di solito vengono rilasciati a stranieri il cui futuro datore di lavoro è un'azienda brasiliana registrata. Comunque, le norme (non sempre chiarissime) che regolano queste procedure prevedono eccezioni e trattamenti speciali a seconda dei casi, p. es. per assistenza tecnica. Per assicurarti che tu stia richiedendo il giusto visto per la tua situazione personale, chiedi assistenza a un ambasciata brasiliana o al consolato o consulta la Guida di Procedura  dei lavori per cui vengono concessi visti, fornita dal Ministero brasiliano del Lavoro e dell'Impiego.

Visti di lavoro permanenti (Visto Permanente)

Un visto di lavoro permanente viene solitamente rilasciato agli stranieri che hanno diritto a un soggiorno permanente in Brasile. Normalmente questo si rivolge a ricercatori professionisti o a scienziati (per attività che richiedano la permanenza sul territorio brasiliano per un periodo superiore ai due anni), gli investitori (a condizione che la somma di investimento superi i 50,000 dollari per le persone fisiche o i 200,000 dollari per le compagnie) e amministratori o dirigenti. Per ulteriori informazioni chiedi assistenza a un ambasciata brasiliana o consolato o consulta la Guida di Procedura  dei lavori permessi fornita dal Ministero brasiliano del Lavoro e dell'Impiego.

Quest'articolo è stato d'aiuto?

Vuoi mandarci commenti, suggerimenti o domande su questo tema? Scrivici qui: