Reddito Tassabile

Quale parte del mio reddito è tassabile?

In Italia, il reddito tassabile è ufficialmente diviso nelle seguenti sei categorie, ciascuna delle quali viene definita dalla legge: impiego, lavoro autonomo, attività commerciale, proprietà (terreno e strutture ), capitale (principalmente dividendi ed interesse) e reddito “vario”.

 

Il reddito dall’impiego include i bonus (annuali, performance, ecc.) opzioni di azioni, prestiti senza interesse, aggiustamenti all’estero, indennità per carovita, detrazione per l’alloggio, concessione per l’educazione, rimborsi fiscali e concessioni per le autovetture.

Il reddito tassabile include anche i contributi ai piani di obbligazione a partecipazioni, detrazione per trasferta e deposito, lezioni di lingua per il coniuge, macchina aziendale personale, pagamenti in natura (come l’alloggio gratuito od i pasti), permesso per andare a casa od in vacanza (pagato dal vostro datore di lavoro), educazione dei figli e reddito di proprietà ed investimento (dividendi ed interesse).

Tale reddito, come alcuni benefici d' assistenza sociale, non è soggetto alle tasse sul reddito. Tuttavia, il reddito include anche il sussidio di disoccupazione, pagamenti della cassa integrazione, pensioni e benefici per sospensione del lavoro (ad es., liquidazione) oltre il minimo richiesto dalla legge. I benefici in natura sono valutati per motivi delle tasse al loro valore equo di mercato.

I residenti sono tassati sul loro reddito globale ed i non residenti sul reddito guadagnato solamente in Italia.

Sebbene l’aliquota d'imposta in Italia sia relativamente alta, la vostra imposta sul reddito netto può essere notevolmente ridotta dalle detrazioni e crediti, come viene spiegato sotto.

Reddito sul patrimonio

In Italia, tutti proprietari terrieri (indipendentemente se residenti o non residenti) devono pagare l’imposta sul reddito in base al reddito imputato della proprietà. Il reddito proveniente dal terreno e dagli immobili è basato sulla rendita catastale che è un valore nominale attribuito dal catasto.

Il valore del terreno viene calcolato moltiplicando la media del reddito ordinario (stabilito dal catasto) per l’area della superficie, tenendo in considerazione la locazione del terreno. Il valore degli immobili viene calcolato moltiplicando l’area superficiale per un fattore (stabilito dal catasto) che prende in considerazione la loro locazione, età, condizione e categoria ufficiale.

Siete elegibili per concessioni come le riparazioni e mantenimento, sicurezza, costi di pulizia, interessi di mutuo (solamente per i prestiti italiani), costi di gestione e affitto (ad es., pubblicità), tasse locali, assicurazione e svalutazione. Dovete ottenere dei consigli professionali per assicurarvi di effettuare detrazioni per tutto che quello che vi è concesso fare. Molte persone trovano che ci sono poche tasse da pagare dopo la detrazione delle loro spese.

Ulteriori letture

Quest'articolo è stato d'aiuto?

Vuoi mandarci commenti, suggerimenti o domande su questo tema? Scrivici qui: