Il sistema scolastico francese

Asilo, scuole elementari e superiori

Il sistema scolastico francese prevede diverse tipologie di scuola: asilo, elementari ed istruzione secondaria. Quest'articolo ti darà alcune informazioni utili sul sistema scolastico francese.

Il sistema scolastico francese

Asilo ed elementari

L'asilo e la scuola elementare sono organizzati in tre cicli (cycles pédagogiques). Ci sono tre cicli, ognuno della durata di tre anni e sono organizzati come qui di seguito:

1. Cycle des Apprentissages Premiers, che comprende le tre sezioni della scuola materna, dai tre ai sei anni (les petits, les moyens e les grands).

2. Cycle des Apprentissages Fondamentaux, che comprende l'ultimo anno d'asilo e i primi due anni delle elementari ( cours préparatoire/CP e cours élémentaire 1/CE1).

3. Cycle des Approfondissements, comprende gli anni scolastici delle elementari cours élémentaire 2/CE2, cours moyen 1/CM1 e cours moyen 2/CM2.

Ogni ciclo ha una durata di circa tre anni ma può essere completato in due anni se il bambino dimostra di fare notevoli progressi. La decisione di “promuovere” un alunno spetta al consiglio scolastico (conseil des maîtres du cycles), il direttore della scuola, gli insegnanti dell'alunno e un gruppo di psicologi e pedagoghi. Oggi la bocciatura non è più prevista: ad ogni alunno viene consetito di apprendere secondo le sue capacità e i suoi bisogni. I genitori hanno la possibilità di fare appello nei confronti della decisioni prese dal corpo docenti. Ogni alunno ha un libretto scolastico (livret scolaire) durante i tre cicli.

Scuola materna

Tradizionalmente in Francia le scuole materne sono sempre state statali, quindi scuole gratuite che seguono programmi rinomati. L'unico problema è che le liste d'attesa sono lunghissime quindi i genitori iscrivono i loro figli praticamente appena dopo la loro nascita (di solito le iscrizioni si aprono ad aprile).

Circa l'80% delle donne con un figlio e il 50% di quelle con tre figli lavorano e la maggior parte si servono di asili nido. Circa il 30% dei bambini entrano all'asilo a due anni, fino all'età (circa) di quattro anni.

I bambini con un'età compresa tra i due mesi e i tre anni possono essere lasciati in un asilo nido (crèche), a condizione che entrambi i genitori lavorino. Ci sono quattro tipi di asilo nido: collettivi (crèche collective) gestiti dalla comunità locale, che è la scelta più comune quindi le liste d'attesa sono più lunghe (di solito solo il 9% trova un posto per il proprio figlio); mini nido (mini-crèche), che sono simili a quelli collettivi ma più piccoli; nidi domestici (crèche parentale), gestiti da gruppi di genitori e possono ospitare un massimo di 16 bambini (crèche familiale) in cui puoi lasciare tuo figlio alle cure di una assistante maternelle. Se affidi tuo figlio a un'assistante maternelle, assicurati che abbia le credenziali giuste per farlo (agréée) e siano accreditati dal Protection Maternelle e Infantile (PMI).

I nidi di solito aprono dalle 07.00 alle 19.00 nei giorni lavorativi. Il prezzo di un asilo colletivo varia a seconda del numero di bambini e del reddito dei genitori; un'assistante maternelle ha un costo minimo di €22 al giorno. Per avere maggiori informazioni circa gli asili nido, contatta l'Association des Collectifs Enfants Parents Professionels (ACEPP, 01 44 73 85 20, http://www.acepp.asso.fr  ).

Se hai bisogno di qualcuno che curi tuo figlio solo occasionalmente, i bambini compresi tra i tre mesi e i sei anni di età possono essere lasciati in una halte-garderie o jardin d’enfants o in un centro multi-accueil (che ospitano un massimo di 20 bambini); i prezzi variano ma in media sono di meno di €2 all'ora. Se tuo figlio ha bisogno di cure prima e dopo l'orario scolastico puoi lasciarlo presso un accueil péri-scolaire o un centre de loisirs sans hébergement (età minima tre anni), strutture che spesso si trovano nei pressi di asili.

Se te lo puoi permettere, puoi assumere una baysitter (garde d’enfant à domicile o nounou), che comunque dovrebbero essere assunte regolarmente anche se queste spese possono essere oggetto di detrazioni fiscali.

L'asilo (école maternelle) dai due ai sei anni non è obbligatorio. Tuttavia, teoricamente è disponibile un posto presso un asilo per ogni bambino di tre anni, qualora i genitori lo richiedano. Il posto dev'essere presso un'asilo o una classe infantile (classe enfantine) di una scuola materna il più possibile vicino a casa. È data la priorità ai bambini che vivono in aree riservate a famiglie non abbienti, i bambini con entrambi i genitori che lavorano, i bambini appartenenti a famiglie con tre o più figli giovani, e bambini che vivono troppo lontano da scuola per poter tornare a casa per pranzo.

Gli orari degli asili nido sono solitamente dalle 08.30 o 09.00 alle 11.30 o 12.00 e dalle 13.30 o 14.00 alle 16.00 o 16.30, con l'eccezione dei mercoledì, in cui non si frequenta scuola. I bambini piccoli di solito dormono per due ore dopo pranzo. I bambini possono frequentare per mezza giornata, scelta preferita da alcuni genitori, particolarmente all'inizio quando un bambino non parla francese. C'è di solito una sessione mattutina il sabato, a seconda del département, anche se è opzionale. I bambini possono pranzare nella mensa scolastica secondo accordo. Se i genitori non possono andare a prendere i propri figli quando finisce scuola, c'è di solito un doposcuola (garderie) fino alle 18.00 circa, per un basso prezzo.

L'asilo nido è stato diviso tradizionaLmente in tre gradi, in base all'età: les petits – dai 2 ai 4 anni; les moyens – dai 4 ai 5 anni; les grands – dai 5 ai 6 anni. I tre anni di scuola elementare dai 3 ai 6 anni sono inclusi nel primo dei nuovi cycles pédagogiques e l'ultimo anno è incorporato nel secondo ciclo.

L'asilo nido è concepito per introdurre i bambini nell'ambiente scolastico e per sviluppare le abilità basilari della coordinazione. Incoraggia lo sviluppo dell'auto-consapevolezza e fornisce un avviamento alle attività di gruppo. Gli esercizi includono arte e tecnica (p.es. disegno, pittura e lavorazione di ceramica), musica, giochi educativi e attività percettiva, p.es. abilità auditive. Durante gli ultimi anni, sono programmate le nozioni base della lettura, della scrittura e dell'aritmetica, come preparazione alla scuola primaria.

Scuola Primaria

La frequentazione alla scuola primaria (école primaire) è obbligatoria dai 6 agli 11 anni per 26 ore a settimana. Le scuole sono fondate e mantenute da comunità locali, anche se nel complesso tutta la responsabilità spetta allo Stato.

Dagli anni ‘80, gli iscritti alla scuola elementare sono diminuiti, causando una riduzione del numero di classi. In molte aree rurali ciò ha causato la chiusura di scuole e il trasferimento dei bambini in scuole delle città vicine, o le scuole hanno dovuto dividersi insegnanti e strumenti come i computers. Ci sono diversi programmi in atto nel paese per trovare modi migliori di organizzare l'educazione primaria, in particolare il corpo insegnante, il metà del quale supera i 50 anni ed è restio a cambiare. Un programma fa uso di laureati che lavorano part-time per assistere gli insegnanti con il tentativo di trasmettere un nuovo impeto al sistema.

Ogni scuola elementare ha un direttore (directeur/directrice), che presiede il cosiglio scolastico (conseil d’école). Il concilio prende decisioni riguardo i regolamenti scolastici, la comunicazione tra insegnanti e genitori, i pasti scolastici, il servizio di doposcuola (garderie), le attività extracurricolari, sicurezza e igiene. Il concilio scolastico di solito si riunisce due volte all'anno e comprende un comitato degli insegnanti (comité des maîtres), un comitato dei genitori (comité des parents), e rappresentanti dell'autorità e del municipio scolastico locale. Il comitato dei genitori è l'equivalente dell'associazione dei genitori-insegnanti (PTA) in molti altri paesi:

I cinque anni della scuola elementare sono organizzati come segue:

Le materie programmate nel ciclo di istruzione primaria sono divise in tre gruppi principali: - francese, storia, geografia ed educazione civica; - matematica, scienze e tecnologia; -educazione, fisica e sport, tecnica, arte e musica. Il numero minimo e massimo di ore di lezione è stabilito per ogni gruppo di materie, fino a un totale di 26 ore a settimana. Agli insegnanti è concessa un po' di flessibilità nella determinazione degli orari così che possono mettere più enfasi in alcune materie per determinati alunni, in base ai loro punti di forza e alle loro carenze.

Apprendimento e consolidazione delle conoscenze primarie

Gli obiettivi principali della scuola primaria sono l'apprendimento e il consolidamento delle conoscenze primarie: lettura, scrittura e matematica. Non ci sono esami alla fine della scuola elementare, anche se la scheda valutativa del ciclo primario è inoltrata alla scuola secondaria. Comunque i bambini sono accolti nella scuola secondaria capaci di leggere e scrivere in francese dal loro primo traguardo nella scuola primaria e vengono esaminati per vedere se sono ad un livello standard. Gli studenti nella scuola primaria hanno un quaderno (cahier de texte) che portano con sè a casa ogni giorno. I genitori firmano il quaderno per verificare che i bambini abbiano svolto i loro compiti e gli insegnanti lo usano per comunicare dei messaggi ai genitori, p.es. oggetti di cui il bambino ha bisogno il giorno dopo a scuola.

Un'ora di lezione di lingua straniera a settimana è inclusa negli anni CM1 e CM2 della scuola secondaria. La maggior parte degli alunni (oltre l'80 per cento) sceglie di imparare l'inglese, anche se il governo francese sta provando a incoraggiarli a imparare altre lingue straniere, comprese le lingue regionali e degli immigranti, p.es. l'arabo (fanno tutte parte della battaglia vana per neutralizzare la crescente influenza della lingua inglese in Francia!).

La lezione di lingua straniera è necessariamente di base, e i genitori anglofoni non dovrebbero aspettarsi di migliorare la conoscenza dell'inglese dei propri figli; infatti, sarebbe meglio se iniziassero a imparare una terza lingua.

I compiti a casa sono richiesti dall'inizio della scuola primaria e il passaggio dal CE1 al CE2 può risultare una cosa difficile, i bambini improvvisamente vengono sottoposti a una mole di lavoro e devono superare delle verifiche regolari in tutte le materie.

La classe di scoperta

Uno degli aspetti dell'educazione primaria francese è la “classe di scoperta” (classe de découverte), in cui gli alunni trascorrono dall'una alle tre settimane in un nuovo contesto. Puó essere sostenuta nel paese (classe verte/classe de nature), nelle montagne (classe de neige), a mare (classe de mer) o persino all'estero. Non si tratta di un campo di vacanza e gli alunni seguono le normali lezioni, corroborate da escursioni nella natura e altre speciali attività. La classe di scoperta più popolare è l'escursione sugli sci, che di solito si svolge in Gennaio o Febbraio. L'assistenza finanziaria è disponibile per i genitori che non hanno le risorse per pagare.

Scuola Secondaria

L'educazione secondaria è obbligatoria fino ai 16 anni e include la frequentazione di un collège fino ai 15 anni. Dopo i 15 anni, la successiva istruzione è stabilita dall'esame finale, per cui gli studenti con una maggiore predisposizione si iscrivono a un liceo lycée (scuola superiore) fino ai 18 anni (cycle long) per studiare per il baccalauréat (diploma) e gli altri frequentano cicli di studio più corti (cycle court) in un corso professionale.

Questi comprendono lo studio per conseguire un brevet d’enseignement professionnel (BEP) oppure un certificat d’aptitude professionnelle (CAP), che può permettere di conseguire un baccalauréat professionnel, in un lycée professionale. Alla fine del collège, viene rilasciato un certificato di competenza di particolari abilità, attestante che è stato raggiunto un certo livello di abilità linguistica. Gli studenti possono ripetere l'anno finchè superano l'esame finale (diplôme national du brevet (DNB)), e pochi studenti terminano il corso senza un certificato

La scuola(e) secondaria(e) che tuo figlio può frequentare è determinata principalmente da dove vivi. In alcune aree rurali c'è poca o nessuna scelta, mentre in Parigi e in altre città ci sono di solito molte possibilità. Come in tutti gli Stati, le scuole con la migliore reputazione e in cui i risultati degli esami sono i più popolari, sono anche quelle in cui è più difficile accedere. I genitori dovrebbero programmare molto in anticipo, in particolare se vogliono che il figlio venga ammesso in un collège superiore o lycée. Alcuni collèges sono collegati con i lycées, e agli studenti del collège viene riservato un'ingresso preferenziale al lycée.

 Collège

A 11 anni tutti i bambini frequentano un collège (ufficialmente conosciuti come collège d’enseignement secondaire/CES), diretti da un principal. Ogni collège ha un concilio scolastico (conseil d’établissement) composto da uno staff amministrativo e rappresentanti di insegnanti, genitori, studenti e autorutà locali. Il suo compito è presentare delle raccomandazioni riguardo l'insegnamento e altri temi di importanza della comunità scolastica.

L'anno scolastico è organizzato in una base trimestrale (un periodo di tre mesi equivale a un periodo), gli studenti vengono valutati dagli insegnanti (conseil des professeurs) alla fine di ogni trimestre. Questa valutazione è particolarmente importante poiché determina gli studi futuri che si prospettano per uno studente e il tipo di baccalauréat che può conseguire. Anche le organizzazioni dei genitori (associations des parents/délégués des parents) possono giocare un ruolo importante nella determinazione degli studi futuri dello studente.

È comune per i consigli di classe (conseil de classes) raccomandare che un alunno ripeta un anno al collège, anche se ciò può essere fatto solo con il permesso dei genitori. Se i genitori non accordano il permesso, possono appellarsi contro la decisione, anche se nel caso perdano il ricorso devono attenersi alla decisione della commissione d'appello.

Pochi collèges offrono la pensione (internat), anche se ciò non è più così comune come prima; le sistemazioni sono simili a quelle di un internat presso un lycée.

I quattro anni del collège sono numerati dal 6º al 3º e sono divisi in due cicli di due anni:

Cycle d’Observation: I primi due anni del collège (le classi 6ª e 5ª) sono chiamati il “ciclo di osservazione”, in cui tutti gli studenti seguono un curriculum comune. Le lezioni generali in totale sono circa 24 ore a settimana e includono il francese, la matematica, una lingua straniera moderna, storia, geografia, economia, educazione civica, fisica e chimica, biologia e geologia, tecnologia, materie artistiche, educazione fisica e sport. Tre ore di lezione extra (heure de soutien) sono dedicate ogni settimana a materie selezionate dal collège (di solito il francese, la matematica e una lingua straniera), a seconda dei bisogni dei singoli studenti. Alla fine della classe 5ª gli studenti si spostano al ciclo di orientamento (classe 4ª) o ripetono la classe 5ª.

Cycle d’Orientation: Gli ultimi due anni del collège (classi 4ª e 3ª) sono chiamati il “ciclo di orientamento” perchè agli studenti viene permesso di scegliere alcune materie e possono quindi iniziare a decidere il futuro orientamento (orientation) dei loro studi. Gli studenti seguono un curriculum comune di circa 25 ore di lezione a settimana nelle stesse materie delle classi 5ª e 6ª. In aggiunta alle materie fondamentali, ci sono lezioni obbligatorie di una seconda lingua straniera scelta da una lista di opzioni (option obligatoire), e lezioni facoltative (options facultatives) in una lingua regionale o una lingua classica (p.es. Greco o Latino). Le decisioni riguardo gli studi futuri sono prese alla fine della 3ª classe (e intorno all'età di 14 anni), quando vengono fatti degli esami per decidere se gli studenti devono andare avanti con il lycée e conseguire il baccalauréat, frequentare un lycée professionale o intraprendere un apprendistato.

Le classi 4ª e 3ª di tecnologia offrono un approccio educazionale più pratico per gli studenti adatti ad una forma di apprendimento meno accademica. Gli studenti che raggiungono l'età di 14 o 15 anni e non hanno raggiunto il livello necessario per spostarsi nella 4ª classe vengono seguiti in piccole classi pre-professionali (Classes Préprofessionnelles de Niveau/CPPN). Qui ricevono lezioni extra e assistenza speciale, in particolare in francese e matematica, per metterli nelle condizioni di poter continuare i loro studi. Altri si spostano in classi di apprendistato preparatorie (Classes Préparatoires à l’Apprentissage/CPA).

Alla fine del loro ultimo anno al collège, gli studenti sostengono un'esame scritto (brevet des collèges) in francese, matematica e storia/geografia. Il brevet è l'esame di ingresso ad un lycée, anche se la bocciatura non esclude gli studenti da andare avanti nell'istruzione superiore.

Asilo ed elementari

L'asilo e la scuola elementare sono organizzati in tre cicli (cycles pédagogiques). Ci sono tre cicli, ognuno della durata di tre anni e sono organizzati come qui di seguito:

1. Cycle des Apprentissages Premiers, che comprende le tre sezioni della scuola materna, dai tre ai sei anni (les petits, les moyens e les grands).

2. Cycle des Apprentissages Fondamentaux, che comprende l'ultimo anno d'asilo e i primi due anni delle elementari ( cours préparatoire/CP e cours élémentaire 1/CE1).

3. Cycle des Approfondissements, comprende gli anni scolastici delle elementari cours élémentaire 2/CE2, cours moyen 1/CM1 e cours moyen 2/CM2.

Ogni ciclo ha una durata di circa tre anni ma può essere completato in due anni se il bambino dimostra di fare notevoli progressi. La decisione di “promuovere” un alunno spetta al consiglio scolastico (conseil des maîtres du cycles), il direttore della scuola, gli insegnanti dell'alunno e un gruppo di psicologi e pedagoghi. Oggi la bocciatura non è più prevista: ad ogni alunno viene consetito di apprendere secondo le sue capacità e i suoi bisogni. I genitori hanno la possibilità di fare appello nei confronti della decisioni prese dal corpo docenti. Ogni alunno ha un libretto scolastico (livret scolaire) durante i tre cicli.

Scuola materna

Tradizionalmente in Francia le scuole materne sono sempre state statali, quindi scuole gratuite che seguono programmi rinomati. L'unico problema è che le liste d'attesa sono lunghissime quindi i genitori iscrivono i loro figli praticamente appena dopo la loro nascita (di solito le iscrizioni si aprono ad aprile).

Circa l'80% delle donne con un figlio e il 50% di quelle con tre figli lavorano e la maggior parte si servono di asili nido. Circa il 30% dei bambini entrano all'asilo a due anni, fino all'età (circa) di quattro anni.

I bambini con un'età compresa tra i due mesi e i tre anni possono essere lasciati in un asilo nido (crèche), a condizione che entrambi i genitori lavorino. Ci sono quattro tipi di asilo nido: collettivi (crèche collective) gestiti dalla comunità locale, che è la scelta più comune quindi le liste d'attesa sono più lunghe (di solito solo il 9% trova un posto per il proprio figlio); mini nido (mini-crèche), che sono simili a quelli collettivi ma più piccoli; nidi domestici (crèche parentale), gestiti da gruppi di genitori e possono ospitare un massimo di 16 bambini (crèche familiale) in cui puoi lasciare tuo figlio alle cure di una assistante maternelle. Se affidi tuo figlio a un'assistante maternelle, assicurati che abbia le credenziali giuste per farlo (agréée) e siano accreditati dal Protection Maternelle e Infantile (PMI).

I nidi di solito aprono dalle 07.00 alle 19.00 nei giorni lavorativi. Il prezzo di un asilo colletivo varia a seconda del numero di bambini e del reddito dei genitori; un'assistante maternelle ha un costo minimo di €22 al giorno. Per avere maggiori informazioni circa gli asili nido, contatta l'Association des Collectifs Enfants Parents Professionels (ACEPP, 01 44 73 85 20, http://www.acepp.asso.fr  ).

Se hai bisogno di qualcuno che curi tuo figlio solo occasionalmente, i bambini compresi tra i tre mesi e i sei anni di età possono essere lasciati in una halte-garderie o jardin d’enfants o in un centro multi-accueil (che ospitano un massimo di 20 bambini); i prezzi variano ma in media sono di meno di €2 all'ora. Se tuo figlio ha bisogno di cure prima e dopo l'orario scolastico puoi lasciarlo presso un accueil péri-scolaire o un centre de loisirs sans hébergement (età minima tre anni), strutture che spesso si trovano nei pressi di asili.

Se te lo puoi permettere, puoi assumere una baysitter (garde d’enfant à domicile o nounou), che comunque dovrebbero essere assunte regolarmente anche se queste spese possono essere oggetto di detrazioni fiscali.

L'asilo (école maternelle) dai due ai sei anni non è obbligatorio. Tuttavia, teoricamente è disponibile un posto presso un asilo per ogni bambino di tre anni, qualora i genitori lo richiedano. Il posto dev'essere presso un'asilo o una classe infantile (classe enfantine) di una scuola materna il più possibile vicino a casa. È data la priorità ai bambini che vivono in aree riservate a famiglie non abbienti, i bambini con entrambi i genitori che lavorano, i bambini appartenenti a famiglie con tre o più figli giovani, e bambini che vivono troppo lontano da scuola per poter tornare a casa per pranzo.

Gli orari degli asili nido sono solitamente dalle 08.30 o 09.00 alle 11.30 o 12.00 e dalle 13.30 o 14.00 alle 16.00 o 16.30, con l'eccezione dei mercoledì, in cui non si frequenta scuola. I bambini piccoli di solito dormono per due ore dopo pranzo. I bambini possono frequentare per mezza giornata, scelta preferita da alcuni genitori, particolarmente all'inizio quando un bambino non parla francese. C'è di solito una sessione mattutina il sabato, a seconda del département, anche se è opzionale. I bambini possono pranzare nella mensa scolastica secondo accordo. Se i genitori non possono andare a prendere i propri figli quando finisce scuola, c'è di solito un doposcuola (garderie) fino alle 18.00 circa, per un basso prezzo.

L'asilo nido è stato diviso tradizionaLmente in tre gradi, in base all'età: les petits – dai 2 ai 4 anni; les moyens – dai 4 ai 5 anni; les grands – dai 5 ai 6 anni. I tre anni di scuola elementare dai 3 ai 6 anni sono inclusi nel primo dei nuovi cycles pédagogiques e l'ultimo anno è incorporato nel secondo ciclo.

L'asilo nido è concepito per introdurre i bambini nell'ambiente scolastico e per sviluppare le abilità basilari della coordinazione. Incoraggia lo sviluppo dell'auto-consapevolezza e fornisce un avviamento alle attività di gruppo. Gli esercizi includono arte e tecnica (p.es. disegno, pittura e lavorazione di ceramica), musica, giochi educativi e attività percettiva, p.es. abilità auditive. Durante gli ultimi anni, sono programmate le nozioni base della lettura, della scrittura e dell'aritmetica, come preparazione alla scuola primaria.

Scuola Primaria

La frequentazione alla scuola primaria (école primaire) è obbligatoria dai 6 agli 11 anni per 26 ore a settimana. Le scuole sono fondate e mantenute da comunità locali, anche se nel complesso tutta la responsabilità spetta allo Stato.

Dagli anni ‘80, gli iscritti alla scuola elementare sono diminuiti, causando una riduzione del numero di classi. In molte aree rurali ciò ha causato la chiusura di scuole e il trasferimento dei bambini in scuole delle città vicine, o le scuole hanno dovuto dividersi insegnanti e strumenti come i computers. Ci sono diversi programmi in atto nel paese per trovare modi migliori di organizzare l'educazione primaria, in particolare il corpo insegnante, il metà del quale supera i 50 anni ed è restio a cambiare. Un programma fa uso di laureati che lavorano part-time per assistere gli insegnanti con il tentativo di trasmettere un nuovo impeto al sistema.

Ogni scuola elementare ha un direttore (directeur/directrice), che presiede il cosiglio scolastico (conseil d’école). Il concilio prende decisioni riguardo i regolamenti scolastici, la comunicazione tra insegnanti e genitori, i pasti scolastici, il servizio di doposcuola (garderie), le attività extracurricolari, sicurezza e igiene. Il concilio scolastico di solito si riunisce due volte all'anno e comprende un comitato degli insegnanti (comité des maîtres), un comitato dei genitori (comité des parents), e rappresentanti dell'autorità e del municipio scolastico locale. Il comitato dei genitori è l'equivalente dell'associazione dei genitori-insegnanti (PTA) in molti altri paesi:

I cinque anni della scuola elementare sono organizzati come segue:

Le materie programmate nel ciclo di istruzione primaria sono divise in tre gruppi principali: - francese, storia, geografia ed educazione civica; - matematica, scienze e tecnologia; -educazione, fisica e sport, tecnica, arte e musica. Il numero minimo e massimo di ore di lezione è stabilito per ogni gruppo di materie, fino a un totale di 26 ore a settimana. Agli insegnanti è concessa un po' di flessibilità nella determinazione degli orari così che possono mettere più enfasi in alcune materie per determinati alunni, in base ai loro punti di forza e alle loro carenze.

Apprendimento e consolidazione delle conoscenze primarie

Gli obiettivi principali della scuola primaria sono l'apprendimento e il consolidamento delle conoscenze primarie: lettura, scrittura e matematica. Non ci sono esami alla fine della scuola elementare, anche se la scheda valutativa del ciclo primario è inoltrata alla scuola secondaria. Comunque i bambini sono accolti nella scuola secondaria capaci di leggere e scrivere in francese dal loro primo traguardo nella scuola primaria e vengono esaminati per vedere se sono ad un livello standard. Gli studenti nella scuola primaria hanno un quaderno (cahier de texte) che portano con sè a casa ogni giorno. I genitori firmano il quaderno per verificare che i bambini abbiano svolto i loro compiti e gli insegnanti lo usano per comunicare dei messaggi ai genitori, p.es. oggetti di cui il bambino ha bisogno il giorno dopo a scuola.

Un'ora di lezione di lingua straniera a settimana è inclusa negli anni CM1 e CM2 della scuola secondaria. La maggior parte degli alunni (oltre l'80 per cento) sceglie di imparare l'inglese, anche se il governo francese sta provando a incoraggiarli a imparare altre lingue straniere, comprese le lingue regionali e degli immigranti, p.es. l'arabo (fanno tutte parte della battaglia vana per neutralizzare la crescente influenza della lingua inglese in Francia!).

La lezione di lingua straniera è necessariamente di base, e i genitori anglofoni non dovrebbero aspettarsi di migliorare la conoscenza dell'inglese dei propri figli; infatti, sarebbe meglio se iniziassero a imparare una terza lingua.

I compiti a casa sono richiesti dall'inizio della scuola primaria e il passaggio dal CE1 al CE2 può risultare una cosa difficile, i bambini improvvisamente vengono sottoposti a una mole di lavoro e devono superare delle verifiche regolari in tutte le materie.

La classe di scoperta

Uno degli aspetti dell'educazione primaria francese è la “classe di scoperta” (classe de découverte), in cui gli alunni trascorrono dall'una alle tre settimane in un nuovo contesto. Puó essere sostenuta nel paese (classe verte/classe de nature), nelle montagne (classe de neige), a mare (classe de mer) o persino all'estero. Non si tratta di un campo di vacanza e gli alunni seguono le normali lezioni, corroborate da escursioni nella natura e altre speciali attività. La classe di scoperta più popolare è l'escursione sugli sci, che di solito si svolge in Gennaio o Febbraio. L'assistenza finanziaria è disponibile per i genitori che non hanno le risorse per pagare.

Scuola Secondaria

L'educazione secondaria è obbligatoria fino ai 16 anni e include la frequentazione di un collège fino ai 15 anni. Dopo i 15 anni, la successiva istruzione è stabilita dall'esame finale, per cui gli studenti con una maggiore predisposizione si iscrivono a un liceo lycée (scuola superiore) fino ai 18 anni (cycle long) per studiare per il baccalauréat (diploma) e gli altri frequentano cicli di studio più corti (cycle court) in un corso professionale.

Questi comprendono lo studio per conseguire un brevet d’enseignement professionnel (BEP) oppure un certificat d’aptitude professionnelle (CAP), che può permettere di conseguire un baccalauréat professionnel, in un lycée professionale. Alla fine del collège, viene rilasciato un certificato di competenza di particolari abilità, attestante che è stato raggiunto un certo livello di abilità linguistica. Gli studenti possono ripetere l'anno finchè superano l'esame finale (diplôme national du brevet (DNB)), e pochi studenti terminano il corso senza un certificato

La scuola(e) secondaria(e) che tuo figlio può frequentare è determinata principalmente da dove vivi. In alcune aree rurali c'è poca o nessuna scelta, mentre in Parigi e in altre città ci sono di solito molte possibilità. Come in tutti gli Stati, le scuole con la migliore reputazione e in cui i risultati degli esami sono i più popolari, sono anche quelle in cui è più difficile accedere. I genitori dovrebbero programmare molto in anticipo, in particolare se vogliono che il figlio venga ammesso in un collège superiore o lycée. Alcuni collèges sono collegati con i lycées, e agli studenti del collège viene riservato un'ingresso preferenziale al lycée.

 Collège

A 11 anni tutti i bambini frequentano un collège (ufficialmente conosciuti come collège d’enseignement secondaire/CES), diretti da un principal. Ogni collège ha un concilio scolastico (conseil d’établissement) composto da uno staff amministrativo e rappresentanti di insegnanti, genitori, studenti e autorutà locali. Il suo compito è presentare delle raccomandazioni riguardo l'insegnamento e altri temi di importanza della comunità scolastica.

L'anno scolastico è organizzato in una base trimestrale (un periodo di tre mesi equivale a un periodo), gli studenti vengono valutati dagli insegnanti (conseil des professeurs) alla fine di ogni trimestre. Questa valutazione è particolarmente importante poiché determina gli studi futuri che si prospettano per uno studente e il tipo di baccalauréat che può conseguire. Anche le organizzazioni dei genitori (associations des parents/délégués des parents) possono giocare un ruolo importante nella determinazione degli studi futuri dello studente.

È comune per i consigli di classe (conseil de classes) raccomandare che un alunno ripeta un anno al collège, anche se ciò può essere fatto solo con il permesso dei genitori. Se i genitori non accordano il permesso, possono appellarsi contro la decisione, anche se nel caso perdano il ricorso devono attenersi alla decisione della commissione d'appello.

Pochi collèges offrono la pensione (internat), anche se ciò non è più così comune come prima; le sistemazioni sono simili a quelle di un internat presso un lycée.

I quattro anni del collège sono numerati dal 6º al 3º e sono divisi in due cicli di due anni:

Cycle d’Observation: I primi due anni del collège (le classi 6ª e 5ª) sono chiamati il “ciclo di osservazione”, in cui tutti gli studenti seguono un curriculum comune. Le lezioni generali in totale sono circa 24 ore a settimana e includono il francese, la matematica, una lingua straniera moderna, storia, geografia, economia, educazione civica, fisica e chimica, biologia e geologia, tecnologia, materie artistiche, educazione fisica e sport. Tre ore di lezione extra (heure de soutien) sono dedicate ogni settimana a materie selezionate dal collège (di solito il francese, la matematica e una lingua straniera), a seconda dei bisogni dei singoli studenti. Alla fine della classe 5ª gli studenti si spostano al ciclo di orientamento (classe 4ª) o ripetono la classe 5ª.

Cycle d’Orientation: Gli ultimi due anni del collège (classi 4ª e 3ª) sono chiamati il “ciclo di orientamento” perchè agli studenti viene permesso di scegliere alcune materie e possono quindi iniziare a decidere il futuro orientamento (orientation) dei loro studi. Gli studenti seguono un curriculum comune di circa 25 ore di lezione a settimana nelle stesse materie delle classi 5ª e 6ª. In aggiunta alle materie fondamentali, ci sono lezioni obbligatorie di una seconda lingua straniera scelta da una lista di opzioni (option obligatoire), e lezioni facoltative (options facultatives) in una lingua regionale o una lingua classica (p.es. Greco o Latino). Le decisioni riguardo gli studi futuri sono prese alla fine della 3ª classe (e intorno all'età di 14 anni), quando vengono fatti degli esami per decidere se gli studenti devono andare avanti con il lycée e conseguire il baccalauréat, frequentare un lycée professionale o intraprendere un apprendistato.

Le classi 4ª e 3ª di tecnologia offrono un approccio educazionale più pratico per gli studenti adatti ad una forma di apprendimento meno accademica. Gli studenti che raggiungono l'età di 14 o 15 anni e non hanno raggiunto il livello necessario per spostarsi nella 4ª classe vengono seguiti in piccole classi pre-professionali (Classes Préprofessionnelles de Niveau/CPPN). Qui ricevono lezioni extra e assistenza speciale, in particolare in francese e matematica, per metterli nelle condizioni di poter continuare i loro studi. Altri si spostano in classi di apprendistato preparatorie (Classes Préparatoires à l’Apprentissage/CPA).

Alla fine del loro ultimo anno al collège, gli studenti sostengono un'esame scritto (brevet des collèges) in francese, matematica e storia/geografia. Il brevet è l'esame di ingresso ad un lycée, anche se la bocciatura non esclude gli studenti da andare avanti nell'istruzione superiore.

Ulteriori letture

Quest'articolo è stato d'aiuto?

Vuoi mandarci commenti, suggerimenti o domande su questo tema? Scrivici qui: